Siglato il nuovo 'Patto per la scuola' tra istituzioni scolastiche e Comune per i prossimi 5 anni

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 23 maggio 2024, ore 15:55

Anni, 2024, Comunicati Stampa, Politiche educative, Grandi temi, La scuola al centro, HomePage
I dirigenti scolastici Gioia Giuliani, Donato Biuso e Maria Rosa Capelli

Siglato questa mattina (mercoledì) nella sala consiliare del Comune il nuovo ‘Patto per la scuola’, l’alleanza strategica tra Comune e istituzione scolastiche che ha creato sul territorio un modello innovativo di  sistema integrato di istruzione pubblica. Il ‘Patto per la scuola’ ha infatti favorito lo scambio di esperienze e buone prassi, l’attivazione di sinergie e risorse al fine di far crescere una scuola migliore, più equa ed aperta a tutti, grazie all’incessante lavoro compiuto giornalmente dagli insegnanti e dai dirigenti scolastici e all’attiva collaborazione dell’amministrazione comunale. 

A sottoscrivere il patto sono stati l’assessore alle politiche educative e i dirigenti scolastici  Donato Biuso (Istituto comprensivo “Micheloni” di  Lammari-Marlia  e  Istituto Comprensivo ‘Carlo Piaggia’ di Capannori), Gioia Giuliani (Istituto Comprensivo di Camigliano), Maria RosaCapelli (Istituto Comprensivo ‘Don Aldo Mei’ di San Leonardo in Treponzio e Liceo scientifico ‘E. Majorana’). Presenti all’incontro alcuni  consiglieri della Commissione Consiliare ‘Politiche educative’ e il gruppo di lavoro dei docenti che ha lavorato al patto: Silvia Sarti (I.C. Camigliano), Alessandra Marchetti (I.C. Capannori), Viviane Tommasi (I.C. San Leonardo in Treponzio), Lisa Bertini  (I.C. Lammari-Marlia).
  
Obiettivo del documento è rinnovare per altri cinque anni questa proficua esperienza  che intende promuovere il  diritto allo studio con particolare riferimento alle azioni e agli interventi relativi alla promozione del benessere psicofisico di tutti gli attori che fanno parte del mondo della scuola (bambini, famiglie, insegnanti, personale ATA, educatori, ecc) e che metta al centro il bambino/studente.


Molti gli ambiti di intervento previsti dal Patto, dalla prevenzione del disagio all’ educazione socio-affettiva, da azioni  per un uso consapevole del digitale soprattutto nei bambini, negli adolescenti e nelle rispettive famiglie, all’educazione alla legalità e alla prevenzione dei comportamenti scorretti, del bullismo e del cyberbullismo. Il ‘Patto per la scuola’ vuole inoltre sostenere e potenziare l’inclusione scolastica degli alunni stranieri e degli alunni con disabilità e attivare progetti volti ad attivare iniziative sulla memoria, e ad incentivare la partecipazione dei genitori alla vita della scuola e degli studenti a percorsi di cittadinanza attiva. Mira, inoltre, a realizzare un sistema integrato e partecipato dell’offerta formativa e promuovere sempre più una scuola aperta alla comunità per incontri ed iniziative durante le ore pomeridiane e serali.
Nei prossimi cinque anni  sarà data particolare attenzione all’attivazione di progetti rivolti alla valorizzazione ed alla salvaguardia dell’ambiente e ai temi relativi all'economia circolare e alla realizzazione di progetti volti a favorire le buone prassi alimentari e la lotta contro lo spreco del cibo e sul valore educativo della mensa scolastica.

Il patto per la scuola ha un Comitato di coordinamento composto dall’Assessore all’Istruzione del Comune di Capannori, dal Dirigente del Settore Politiche Educative o suo delegato, dai Dirigenti degli Istituti Comprensivi e del liceo. Il comitato di coordinamento si riunisce periodicamente per dare attuazione ai contenuti del Patto, definire le concrete azioni di attuazione, gestire in modo sinergico e coordinato le problematiche e le opportunità attuative, individuare e integrare i gruppi di lavoro, creare sinergie tra iniziative della scuola, dell’Amministrazione, del territorio.  Altro organo del Patto è il Tavolo del Patto composto dai membri del Comitato di coordinamento, da una rappresentanza di 3 membri di ogni Istituto, dai referenti del Comune e dai Presidenti dei Consigli d’Istituto. Il Tavolo del Patto si riunisce almeno tre volte l’anno e monitora l’andamento del Patto, propone iniziative e integrazioni agli ambiti. Comitato di coordinamento e Tavolo del patto istituiscono poi Gruppi di lavoro, che sono specifici per grado scolastico o misti, e svolgono funzioni istruttorie e danno seguito alle azioni previste dal patto ed ai progetti stabiliti dal Comitato di coordinamento.  

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune