Sabato 23 marzo al museo Athena si inaugura la mostra di Samuele Atzori e Sonia Squillaci

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 23 maggio 2024, ore 15:55

Anni, 2024, Comunicati Stampa, Cultura, HomePage
Locandina mostra

Sarà inaugurata sabato 23 marzo, alle ore 17.00, al museo Athena di via Carlo Piaggia  a Capannori, la mostra di Samuele Atzori e Sonia Squillaci, due artisti emergenti che vivono e lavorano nella Piana lucchese. Impronunciabile è il titolo dell’evento – tre punti di sospensione virgolettati. Difatti “…” ruota attorno a una tematica, l’introversione, a entrambi gli autori molto cara e spesso fraintesa. Le opere di Atzori e Squillaci che intendono aprire un varco nell’incomprensione, si trovano a dover rispondere a una domanda, che è un po’ il leitmotiv della mostra e che si esprime anche nella scelta del titolo: come può un introverso parlare in vece della silenziosa categoria a cui appartiene? Come comunicare qualcosa che per propria natura si esprime mal volentieri a voce? La risposta (rigorosamente non parlata) spetterà agli artisti.

Samuele Atzori, autodidatta e impegnato in molte questioni etiche e sociali, ha un approccio concettuale al problema. I manichini, marchio della sua produzione, si fanno muti portavoce delle sue riflessioni e richiedono un osservatore disposto a soffermarsi. Nelle sue opere, autosufficienti teatrini, il ragionamento si coniuga con l’amore per la manualità, che Atzori ha ereditato dal padre scultore. L’artista ha già avuto modo di esporre al Real Collegio di Lucca (La luna nell’acqua, 2023) e successivamente a Genova, presso il Palazzo Ducale (Ricordi e sensazioni, 2023; Gifts of Art, 2023).

Sonia Squillaci, che si contrappone e al contempo completa Atzori, agisce assecondando una sensibilità più istintiva. L’affetto per la materia e per la deperibilità si unisce al desiderio di creare oggetti che siano rassicuranti, e che entrino in connessione con gli individui, passando per più canali sensoriali – la vista, il tatto, l’udito. Un’attitudine alla dimensione umana nel suo aspetto più quotidiano, che le giunge dall’Accademia delle Belle Arti di Firenze. In tale contesto ha potuto collaborare col compianto Andrea Dami, scultore polimaterico, per poi esporre presso la Rocca di Carmignano (NET WALKING, 2022) e al Real Collegio di Lucca (La luna nell’acqua, 2023).

Collabora con gli artisti, Sharon Tofanelli, laureata in Storia dell’Arte, che ha curato  testi e storytelling. 
La mostra resterà aperta fino al 6 aprile e sarà visitabile, con ingresso gratuito, nei seguenti orari: martedì e giovedì 9-13, venerdì 13-19, sabato 10-13 e 16-19.
Per informazioni tel. 0583 428784 o scrivere una email all’indirizzo staff.museo@comune.capannori.lu.it.
 

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune