Il consiglio comunale approva una mozione per il 'cessate il fuoco' in Medio Oriente

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 20 maggio 2024, ore 17:10

Anni, 2024, Comunicati Stampa, Varie, HomePage
Il consiglio comunale

Il consiglio comunale nella seduta di ieri (lunedì) - iniziata con un minuto di silenzio proposto dalla presidente Gigliola  Biagini in ricordo degli operai morti nell’ incidente sul lavoro nel cantiere di un supermercato a Firenze -  ha approvato  una mozione per la pace fra i popoli palestinese ed israeliano raccogliendo la proposta del “Forum per la pace di Lucca - Ripudiamo la guerra’. Il documento è stato illustrato dal capogruppo di Sinistra con Capannori, Marco Bachi e sottoscritto da tutti i capigruppo di maggioranza (Guido Angelini-Pd; Marco Bachi- Sinistra con Capannori; Gaetano Ceccarelli- Popolari e Moderati; Claudia Berti-  + Capannori; Pio Lencioni- Lista Luca Menesini Sindaco; Silvana Pisani- Gruppo Misto) ed ha  ricevuto i voti favorevoli della maggioranza e del Capogruppo del Movimento 5 Stelle, Simone Lunardi e il voto contrario del Capogruppo della Lega  Domenico Caruso. Gli altri esponenti  dell’opposizione non erano presenti in aula al momento del voto. 

“I tragici eventi occorsi dal 7 ottobre 2023 non lasciano spazio ad ulteriori rinvii rispetto alla necessità di coinvolgere in un tavolo di mediazione i due popoli, affinché abbiano entrambi la medesima dignità di cittadini di due Stati liberi, indipendenti e sovrani – recita il documento - . Numerosi Governi e Capi di Stato, organizzazioni non governative e associazioni umanitarie internazionali hanno richiamato al rispetto del diritto internazionale, chiedendo il cessate il fuoco e invitando al massimo sforzo per scongiurare vittime civili e per favorire il rilascio degli ostaggi, senza dimenticare il costante invito a ‘deporre le armi’ da parte di Papa Francesco. La corte internazionale di giustizia dell’Aja il 26 gennaio 2024, con l’ordinanza 192 -   prosegue il documento - ha chiesto ad Israele di fare tutto il possibile per ‘prevenire possibili atti genocidari’ nella striscia di Gaza e di dimostrarlo. Ha altresì condannato il linguaggio disumanizzante utilizzato dai leader israeliani. La corte ha inoltre respinto la richiesta di archiviazione del procedimento avanzata da Israele ed ha chiesto di consentire l’accesso agli aiuti umanitari. Ricordato che spetta anche ai governi dei Paesi terzi esercitare pressioni su tutte le parti coinvolte affinché si rispettino il diritto internazionale umanitario e i diritti umani, anche le Amministrazioni locali possono e devono elevare la propria voce di dissenso contro ogni forma di violenza e a favore della pace, facendosi interpreti del pensiero e dei sentimenti delle proprie comunità civiche”.
La mozione inoltre  esprime ‘la ferma condanna delle diverse forme di segregazione del popolo palestinese nella striscia di Gaza e della progressiva occupazione di territori dei coloni da parte di Israele, sostenuta ed incoraggiata dal governo di Benjamin Netanyahu, nonché di ogni escalation di violenza bellica, in particolare in contesti densamente abitati come la Striscia di Gaza, che si è tradotta in un continuo aumento delle vittime civili palestinesi (ormai circa 30.000 in poco più di 100 giorni), in gran parte minori, causando una crisi umanitaria gravissima sfociata recentemente con la strage di oltre cento persone durante la distribuzione del pane e il rischio di distruzione di un popolo, in violazione del diritto internazionale e dei diritti umani”. Esprime inoltre  ‘la ferma condanna degli attacchi terroristici e delle atrocità compiute da Hamas, sottolineando il rifiuto per ogni forma di fondamentalismo e fanatismo, nonché della dichiarata volontà del non riconoscimento dell’esistenza dello Stato di Israele”. 

Tutto ciò premesso il Consiglio comunale di Capannori impegna il sindaco e la giunta  “a farsi portavoce presso il Governo italiano, facendosi interprete del comune sentire della cittadinanza, anche attraverso l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, affinché venga chiesto l’immediato “cessate il fuoco” in Palestina ed il rilascio senza condizioni di tutti gli ostaggi, e contestualmente venga consentito l’ingresso nella Striscia di Gaza di ingenti aiuti umanitari per garantire il rispetto della vita materiale delle persone e della dignità umana e richiesta subito una Conferenza di pace sotto l’egida dell’ONU per un reciproco e duraturo riconoscimento delle ragioni dei due popoli, palestinese ed israeliano. Di farsi altresì portavoce presso il Governo italiano della necessità e dell’urgenza del riconoscimento giuridico dello Stato di Palestina da parte dello Stato italiano e, inoltre, a mettere in atto, con ancora più intraprendenza, nella comunità locale, ogni azione e attività utile alla promozione della ‘cultura della pace e della convivenza’ rispettosa delle diverse appartenenze culturali e religiose, anche attraverso le realtà già operanti sul territorio, quali ad esempio la ‘Scuola per la pace’ della Provincia di Lucca, ed il ‘Forum per la pace di Lucca - Ripudiamo la guerra’, o realtà da istituire (o valorizzare se presenti), quali gli osservatori comunali per la pace “. 

 

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune