Grande festa per celebrare il fatto che l'Oasi naturale del lago della Gherardesca è diventata patrimonio di tutti i cittadini

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 21 maggio 2024, ore 15:40

Anni, 2023, Comunicati Stampa, Ambiente, Evidenza
L'intervento del sindaco Luca Menesini

Grande festa sul posto, a Colle di Compito, sabato scorso, per festeggiare l'acquisizione da parte dell'amministrazione Menesini dell'oasi naturale del lago della Gherardesca, grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.
Per celebrare l'inserimento del lago nel patrimonio pubblico di Capannori, s'è svolto il ‘Festival della Natura’, promosso dal Comune, in collaborazione con 'I Ricostruttori', e patrocinato dalla Provincia di Lucca. 
I festeggiamenti sono iniziati la mattina con l’iniziativa ‘Puliamo il mondo’ a cura delle associazioni Legambiente Capannori e Piana Lucchese, Wwf Toscana, e Donkey Ranch, che hanno svolto la pulizia e la raccolta dei rifiuti con la partecipazione speciale degli asini, e con delle visite guidate all’area su un percorso di circa 4 chilometri adatto a tutti, organizzate da Legambiente Capannori e Piana Lucchese. 
Nel pomeriggio, dopo gli interventi del sindaco Luca Menesini, del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Marcello Bertocchini e del monaco padre Guidalberto Bormolini, ha preso la parola la biologa Arianna Chines che ha fatto un intervento sull’importanza dell’area umida del Lago della Gherardesca e sul grande merito dei cittadini, che tutti insieme hanno contribuito alla salvaguardia del lago, ed ha spiegato come oggi venga curato con quella lentezza necessaria affinché il lago sia tornato punto di riferimento per tanti uccelli, basti pensare che attualmente ci gravitano ben 201 specie di uccelli. Infine, s'è tenuto il concerto acustico del famoso cantautore e polistrumentista Giovanni Caccamo intitolato “Parole e musica. Note di cambiamento”.
“Con l’acquisizione da parte del Comune l’area umida del Lago della Gherardesca, un’area naturalistica di straordinario pregio dal punto di vista naturalistico e ambientale, è divenuta pubblica e quindi patrimonio della comunità – ha affermato il sindaco Menesini -. Si tratta di un'acquisizione di cui sono davvero molto orgoglioso, perché essere un Comune che compra un'oasi naturale significa essere un Comune che fa la sua parte nella cura del Pianeta, per garantire futuro ai nostri figli e alle generazioni successive. E' infatti una scelta che va fortemente nella direzione della biodiversità, fondamentale oggi per contribuire alla salvaguardia degli ecosistemi. Accanto all'aspetto ambientale, c'è quello di promozione del territorio attraverso un turismo sostenibile. I progetti di valorizzazione del Lago della Gherardesca saranno progetti di valorizzazione del Compitese in particolare, e di Capannori in generale, nell'ottica del rispetto della natura e di promuovere stili di vita che guardano al benessere delle persone. Tutto questo, ovviamente e come sempre, sarà fatto in collaborazione con le associazioni del territorio e i cittadini. Colgo di nuovo l'occasione per ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio del sostegno, e tutte le persone che in passato e quelle che in questi mesi hanno manifestato il loro amore e la loro voglia di fare per il lago”. 
“Il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca finalizzato all’acquisto del lago – ha dichiarato il presidente Bertocchini - ha rappresentato una delle voci più importanti in termini di risorse deliberate sul bando “Sviluppo sostenibile”. Un impegno notevole motivato dall’opportunità di restituire all’uso pubblico uno degli angoli più incantevoli e ricchi di biodiversità di tutta la provincia. Un progetto significativo di recupero e valorizzazione che si inserisce nel percorso ormai intrapreso da anni, che vede la Fondazione sempre più coinvolta in operazioni ispirate alla sostenibilità ambientale e alla divulgazione di una maggiore consapevolezza rispetto allo stato di salute del nostro Pianeta. Un percorso che parte dai luoghi, un patrimonio da salvare e conservare rendendolo realmente ‘bene comune’ protetto da tutta la comunità”. 
“Nel linguaggio comune vediamo spesso un errore di prospettiva: si parla del rapporto con la natura, ma noi siamo parte della natura. Siamo prossimi al centenario della composizione del ‘Cantico delle Creature’, un meraviglioso cantico in cui noi siamo parte di un Tutto – afferma padre Bormolini –. Non è un Tutto con cui dobbiamo relazionarci, è un Tutto che già viviamo dentro e fuori di noi. Ci auguriamo che questo meraviglioso luogo nel Comune di Capannori diventi un luogo in cui fare quest’esperienza di un tutto pieno di Sacro, che è dentro e fuori di noi, e comprende l’incontro con tutti gli esseri della natura: gli esseri umani, tutti gli altri esseri viventi, e anche gli inanimati. Ci auguriamo che da questo si generi una sinfonia cosmica che mette insieme la pluralità di tutto ciò che, per quanto differente, è armonizzabile, e che questa sia anche un’indicazione di una vera via per la pace.”
I presenti ai festeggiamenti hanno anche potuto ammirare la mostra fotografica collettiva, a cura del Gruppo Fotografico Compitese, intitolata ‘Oltre il lago, la bellezza. Scorci e meraviglie dell’Oasi Naturale della Gherardesca’. 
Autori delle foto sono Mario Battaglia, Teresa Del Chierico, Alessandra Fava, Ugo Favilla, Walter Francesconi, Giorgio Giannini, Valentino Giannini, Bruno Mancini, Roberto Micheli, Leone Nottoli, Lori Orsi, Stefano Orsi, Lido Scarpellini, Moreno Verdigi. 
 

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune