Aumenta il numero degli asili nido privati autorizzati e accreditati con il Comune presso i quali è possibile spendere i propri buoni servizio regionali

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 06 agosto 2022, ore 11:16

2018, Comunicati Stampa, Grandi temi, La scuola al centro, Politiche educative, HomePage, News, Prima infanzia
Aumento asili nido autorizzati e accreditati

E' aumentato il numero degli asili nido privati autorizzati e accreditati con il Comune presso i quali è possibile spendere i buoni servizio regionali da parte di quelle famiglie con bambini che sono in lista di attesa per i servizi comunali di prima infanzia (3-36 mesi) per l'anno educativo 2018-2019.
Di seguito l'elenco delle strutture: Cosimo Isola (Marlia), Lo Scirocco, Il Sole e la Luna,  Sacro Cuore (Lucca), Il Pulcino (Buti), Gian Burrasca (Montecarlo), Alice (Porcari), Angelo Custode (Tassignano), Il Cucciolo (Cascine di Buti), Il Ranocchio (Ponte Buggianese).

“L'aumento del numero di nidi privati presso i quali sono spendibili i buoni servizio è  importante – spiega l'assessore alla scuola Francesco Cecchetti -, perché in pratica   dà la possibilità a tutti i bambini che sono in lista di attesa per le strutture d'infanzia comunali di trovare posto presso le strutture private convenzionate consentendo alle famiglie di corrispondere una retta  dello stesso importo grazie proprio al contributo dei buoni servizio”.
 
Il contributo previsto dai buoni servizio può avere un importo massimo di 400 euro mensili e viene assegnato in base all'Isee ai nuclei familiari dei minori presenti nelle liste di attesa delle graduatorie comunali fino ad esaurimento delle risorse disponibili, che verranno erogate dalla Regione Toscana. Il contributo andrà a coprire la differenza tra la retta che la famiglia avrebbe pagato nella struttura comunale calcolata in base all’Isee e quella della struttura privata autorizzata e accreditata per i mesi di effettiva frequenza.

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune