A Capannori tre appuntamenti del Festival 'Utopia del Buongusto': il primo è in programma il 3 agosto all'Ostello 'La Salana'

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 22 maggio 2024, ore 16:18

Anni, 2023, Comunicati Stampa, Cultura, HomePage
Lo spettacolo 'Maledette canzoni d'amore'

Uno spettacolo teatral musicale per il primo dei tre appuntamenti a Capannori  del festival di cene e teatro Utopia del Buongusto edizione 2023, XXVI Atto, a cura di Guascone Teatro, per la direzione artistica di Andrea Kaemmerle.  

Giovedì 3 agosto 2023 alle 21,30 presso “La Salana”, Ostello sulla via Francigena la Fondazione Accademia dei Perseveranti presenta “Maledette canzoni d’amore” di Andrea Bruno Savelli, con Nicola Pecci e Andrea Bruno Savelli. Musiche di Stefano De Donato, light design Alessandro Ruggiero. 

Lo spettacolo - Arriva a Capannori uno spettacolo tra parole e note prodotto da una rinomata compagnia toscana, un viaggio molto avvincente nel mondo dei miti mondiali della musica. Occasione per apprezzare ancora l’intensa voce di Nicola Pecci. Jim Morrison, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Bob Marley, Elvis Presley e John Lennon sono artisti che hanno raccontato la sofferenza, lo stupore e l’amore attraverso le loro canzoni. Artisti indimenticabili per la loro arte ma anche perchè ammantati da un’affascinante aura: tra mistero e mito, tra maledizione e spiritualità. In questo recital musicale Nicola Pecci e Andrea Bruno Savelli ci guidano in un simbolico racconto di parallelismi e coincidenze, godendo delle celeberrime parole e melodie degli artisti del Club 27.

Alle 20 cena in luogo con menù alla carta e con prosecco di benvenuto offerto dall'ostello. Informazioni e prenotazioni: 3280625881 – 3203667354. Da non perdere: le campagne ad est del Monte Serra.

“Utopia del Buongusto” prosegue a Capannori venerdì 18 agosto 2023 alle 21,30 al Centro Culturale Compitese, Sant’Andrea di Compito, dove Guascone Teatro presenta “Garibaldi su una gamba”. Di Manfredi Rutelli e di e con Andrea Kaemmerle. 

Lo spettacolo - Giuseppe Garibaldi è l’uomo più famoso d’Italia, amato e ricordato da tutti come un eroe ma… no, non c’è nessun MA, Garibaldi è stato un uomo favoloso e veramente unico. Di lui si è innamorato anche uno scrittore da Andrea molto amato e frequentato come Luciano Bianciardi che proprio all’eroe dei due mondi ha dedicato il suo ultimo libro uscito postumo, appena un anno dopo la morte. Ebbene Garibaldi era l’uomo più buffo, ganzo, forte, rivoluzionario e disubbidiente che la terra abbia mai visto (sempre che non fosse un alieno). In questo spettacolo un Garibaldi quasi clownesco svuoterà il sacco, confesserà amori e sabotaggi, scorribande e grandi orazioni. Viaggi per mare e fughe a cavallo, battute di pesca e zappamenti d’orto. Ogni cosa che verrete a sapere di lui in questi 71 minuti è assolutamente vera, non abbiate paura però di cadere in una noiosa lezioncina di storia. Garibaldi sputafuoco ed energia dal palco come un forsennato e vi porterà con lui in giro per terre ed avventure mai raccontate. Riderete, vi commuoverete, cambierete opinione su qualche passaggio della storia ed in genere passerete una serata in compagnia dell’eroe che avete incontrato solo sopra un piedistallo nelle piazze di Italia. Viva Garibaldi.

Alle 20 cena presso il Centro Culturale Compitese ad Euro 15,00. Informazioni e prenotazioni: 3280625881 – 3203667354. Da non perdere una visita al camelietum, giardino unico in Italia, con più di 1000 piante di Camelia, tra le quali Sasanqua, Higo, Sinensis e la ben conosciuta Japonica. Dalle 17:00 visite guidate su prenotazione. (camellietumcompitese.com). 

Giovedì 31 agosto 2023 alle 21,30 nel Cortile della Chiesa di Guamo, Capannori (Lucca), Grande Giove presenta “Like” di Francesco Niccolini e Stefano Santomauro, con Stefano Santomauro. Regia di Daniela Morozzi. Vvincitore del Kilowatt Festival – l’Italia dei Visionari (sezione Como) e selezionato al prestigioso Torino Fringe Festival 2018.

Lo spettacolo - Comunicare è diventato più semplice, più veloce, più efficace. La tecnologia ci ha cambiato la vita e cos’ha voluto in cambio? Tutto. Gli studiosi della Columbus University calcolano che arriviamo a toccare il nostro smartphone 4000 volte nell’arco della giornata per un totale di più di 6 ore. Numeri impressionanti. Le nevrosi del nuovo millennio sono servite: sentire squillare il cellulare anche quando non lo fa, entrare nel panico se non si ha rete, svegliarsi la notte e controllare se sono arrivate notifiche. Sono questi, e molti altri, gli spunti che Stefano Santomauro e Francesco Niccolini hanno sviscerato e attraversato per poterli servire in questo monologo divertentissimo e cinico allo stesso momento. L’abilità narrativa di Santomauro è straordinaria e, grazie al suo tipico tocco surreale, riesce a far di Like uno spettacolo che non lascia indifferenti. La regia è affidata all’attrice Daniela Morozzi che chiude un team davvero notevole.

Alle 20,00 cena convenzionata presso i ristoranti del paese (chiedi informazioni al momento della prenotazione). Informazioni e prenotazioni 3280625881 – 3203667354. Da non perdere: Villa reale di Marlia e Villa Torrigiani a Camigliano con i loro immensi parchi.

Quest'anno torna a grande richiesta la magia del "racconto di mezzanotte", piccoli monologhi dopo lo spettacolo tra un cantuccino e un bicchiere di vin santo. Parteciperanno gli allievi del laboratorio di teatro tenuto da Adelaide e Marco: Alessandra Sarsini, Eleonora Giuli, Federico Diddi, Francesca Giuntini, Giorgio Gosti, Silvia Gasparri, Simona Carotti e Veronica Falchetti. L'iniziativa è comunque rivolta a tutto il pubblico di Utopia. Chiunque voglia partecipare si faccia avanti che troveremo il luogo adatto.


“E’ con piacere che anche quest’anno ospitiamo sul nostro territorio alcuni eventi di  questa importante manifestazione che, con numerosi appuntamenti in varie parti della Toscana, da molti anni è in grado di unire sapientemente il buon cibo e la valorizzazione dei luoghi  con proposte culturali di qualità alla portata di tutti - afferma l'assessore alla cultura Francesco Cecchetti - . Un'occasione per  trascorrere una serata estiva assistendo a spettacoli originali e di grande interesse anche con la possibilità di gustare buoni piatti legati alla tradizione”.

Iniziativa finanziata con il contributo dei comuni di: Altopascio, Bientina, Calci, Calcinaia, Capannoli, Capannori, Casciana Terme Lari, Cascina, Castellina Marittima, Collesalvetti, Crespina Lorenzana, Firenze, Livorno, Peccioli, Ponsacco, Pontassieve, Pontedera, Porcari, Santa Maria a Monte, Terricciola e Vicopisano.

Istruzioni per un buon uso di Utopia 
Le cene (facoltative) iniziano alle 20,00. Gli spettacoli alle 21,30 (Euro 8,00 - Escluso eventi speciali). Dopo ogni spettacolo verranno offerti al pubblico Vin Santo, cantuccini ed altri dolci. I famosissimi cantuccini sono della pasticceria artigianale Masoni di Vicopisano. 

Si consiglia vivamente di prenotare le cene con almeno un giorno di anticipo telefonando direttamente ai numeri dell’organizzazione. E’ possibile prenotare anche per SMS indicando cognome, numero dei prenotati, spettacolo e data dell’evento. Importante: questo tipo di prenotazione sarà valida solo quando confermata dagli organizzatori con sms di risposta da mostrare poi alla biglietteria. Informazioni e prenotazioni 3280625881 - 3203667354 - www.guasconeteatro.it.

Se non ci trovi al telefono fatti social! Scrivici su messenger a Guascone Teatro, scrivici una mail (entro le ore 12:00 dell’evento scelto) scrivici su whatsapp, fermaci per strada, fai segnali di fumo, insomma se vuoi ci trovi.

Utopia del Buongusto è un progetto realizzato da Guascone Teatro. Direzione artistica Andrea Kaemmerle, organizzazione Adelaide Vitolo, ufficio stampa Fabrizio Calabrese, comunicazione Fabrizio Liberati, responsabile tecnico e grafica Marco Fiorentini, fonica Ernesto Fontanella. Un ringraziamento per la preziosa collaborazione Glenda Genduso, Federica Fiorentini, Florinda Vitolo, Vittoria Circosta e tutti i volontari che rendano possibile il festival.

La presentazione dell’edizione 2023 secondo il direttore artistico Andrea Kaemmerle
«26 anni in fondo passano nel tempo di un batter di ciglia, eppure questo poco tempo mi ha permesso di conoscere persone straordinarie e di fare grandi sogni e grandi progetti. Utopia del Buongusto è il viaggio più condiviso e folle che si potesse immaginare, si viaggia verso le 2000 serate con un album delle cose accadute che fa tenerezza ed orgoglio. Ed eccoci al futuro prossimo. Questa sarà un'edizione speciale e specifica al tempo stesso; ogni sera lo spettacolo sarà il risultato imprevedibile tra l’incastro di artisti e luoghi. Il trionfo del teatro Urbano dove non esistono contenitori asettici. Un vero omaggio agli spazi che ci ospitano ed alle persone che ci vivono e lavorano. La cosa più distante dall’intelligenza artificiale (che va bene per i pigri e gli stolti) è lo stupore di noi burloni, un’arte dello stare insieme tutta fatta a mano così come a mano si affetta il prosciutto e si brinda ascoltando il tintinnio dei calici. Un festival tutto di serate costruite su misura e non “replicabili”. Tanti spettacoli, tantissimi artisti, tantissimi luoghi. “Chi ha tempo non aspetti tempo” dice l’adagio popolare. Ed allora caro pubblico benvenuto in un cartellone esagerato, un’enciclopedia dell’arte scenica dove impazzire di suggestioni e moltiplicare le amicizie sarà inevitabile. In un epoca di grigiume e lamenti io vado fiero di essere ancora una volta nella posizione di poter “sviolinare” una potentissima squadra di gente dall’animo poetico e birbante. Nelle pagine seguenti avrete la possibilità di tuffarvi nei dettagli di ogni evento del festival. Troverete vecchie volpi della scena e giovani tigrotti, tutti allevati con l’idea di dar battaglia e rendere un buon servizio al genere umano. Tenetevi il programma sul comodino e studiatelo con cura e fiducia, vi aspettano perle rare ed umanità a bizzeffe. Saremo ad accogliervi con il motto di sempre “si può solo soffrire o godere, godicchiare non è serio” p.s. portatevi un golfino!».

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune