Imposta Municipale Propria (IMU)

Stampa la pagina

Imposta Municipale Propria (IMU)

Dal 1° gennaio 2020 la “nuova” IMU è disciplinata dalla Legge n. 160/2019 che ha abolito la IUC nelle   componenti IMU e TASI, ad eccezione della TARI. 

Promemoria per il contribuente

Requisiti del richiedente

L'abitazione principale è esente dall'IMU, con esclusione degli immobili di categoria A/1, A/8 e A/9.

 

Il soggetto passivo IMU, tenuto a pagare l'imposta, si considera:

  • Il proprietario di immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l'attività dell'impresa, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi.

  • In caso di separazione o di divorzio e, comunque, in caso di cessazione degli effetti legali del matrimonio, l’IMU è dovuta dall’assegnatario dell’immobile in quanto l’assegnazione si intende effettuata a titolo di diritto di abitazione.

  • Il locatario nei contratti di leasing.

  • Il concessionario nel caso di concessione su area demaniale.

Come fare

"L'IMU 2020 deve essere versata in due rate (art. 1 comma 762 L. 160/2019), la prima - acconto - scade il 16 giugno 2020, la seconda - saldo - scade il 16 dicembre 2020
La prima rata è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l'anno 2019. Il versamento della rata a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno è eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote che saranno deliberate dal Consiglio Comunale entro il 31 luglio 2020  (art. 53 comma 16 L. 388/2000).

Il Consiglio Comunale ha approvato con Deliberazione n.50 del 15/06/2020 con oggetto “IMU 2020. Agevolazioni sui termini di versamento della prima rata - con esclusione della quota di imposta di competenza statale - per i contribuenti con ridotta capacità di reddito in conseguenza degli effetti economici dell'emergenza COVID-19”

Tale provvedimento prevede il differimento al 30 settembre 2020 della scadenza dell'acconto (con esclusione, come precisato dalla risoluzione n. 5/DF del Ministero dell’Economia e Finanze dell’8.6.2020, della parte di imposta di competenza statale, versata con il codice imposta 3919, relativa agli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, per i quali il comma 753 dell’art. 1 della Legge n. 160 del 2019, stabilisce che l'aliquota pari allo 0,76 per cento sia riservata allo Stato) per i contribuenti che possano attestare, con formale comunicazione, una delle seguenti condizioni:

  • lavoratore dipendente in regime di cassa integrazione per almeno 30 giorni;
  • lavoratore dipendente a tempo determinato o lavoratore parasubordinato con contratto cessato o scaduto, non rinnovato e conseguente condizione di non occupazione per almeno 30 giorni;
  • lavoratore autonomo, professionista, titolare di ditta individuale, società di persone, società di capitali o altra persona giuridica il cui ammontare di fatturato o di corrispettivi abbia subito una riduzione di almeno il 25% nel periodo 1.1.2020 – 30.6.2020, rispetto all’analogo periodo dell’anno 2019, a pena di decadenza, entro il 31 ottobre 2020, su specifico modello predisposto dall’Ufficio Tributi dell’Ente, che provvederà a definire anche le modalità di comunicazione e di verifica delle dichiarazioni;

    Nella dichiarazione si dovranno indicare le soglie per la fruizione del beneficio:

  • per le persone fisiche per le quali sussistano le condizioni di riduzione della capacità di reddito, aver dichiarato un reddito imponibile ai fini IRPEF per l’anno 2018 non superiore ad € 60.000,00

  • per le società di persone, società di capitali o altra persona giuridica non aver superato € 2.000.000,00 di ricavi risultanti dal bilancio al 31/12/2018 o dalla dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2018.

Quando

Cosa occorre

Per le istanze di autotutela, le richieste di rateizzazione, di aliquote agevolate e di rimborso utilizzare la modulistica scaricabile dalla pagina presente e allegare la documentazione richiesta.

Dove rivolgersi

Ufficio Tributi e Entrate

3° piano Palazzo Comunale

 

A seguito dell’emergenza Covid-19 l’ufficio Tributi (IMU, COSAP, ICP) riceverà solo su appuntamento fino a nuova comunicazione.

Per appuntamenti collegarsi alla pagina prenotazioni .

 

  • Ufficio Tributi e Entrate Piazzo Aldo Moro 1, 55012 Capannori

ORARI

Lun Mar Mer Gio Ven
9-13   9-13   9-13
  15-17   15-17  

TEMPI

Per i rimborsi per imposta non dovuta le pratiche saranno evase entro 180 giorni dalla richiesta.


Le risposte alle istanze di autotutela vengono rilasciate in ordine cronologico rispetto alle date di presentazione delle domande.

Costi e modalità del pagamento

L'IMU deve essere corrisposta su modello F24.

Aliquote IMU vigenti

Per il calcolo dell'imposta e la stampa del modello può essere utilizzato il sito amministrazionicomunali.it.

Si comunica, in attesa di nuove indicazioni, di pagare entro il 16/06/2020 il 50% del totale pagato nel 2019, fatto salvo di quantificare il saldo secondo le effettive aliquote successivamente deliberate, con il pagamento da effettuarsi entro il 16/12/2020. Eventuali provvedimenti di dilazione della scadenza della prima rata saranno pubblicati aggiornando la pagina del sito.

Note

Deliberazione valori aree fabbricabili per accertamenti

Deliberazione Giunta Comunale tariffe perizie inagibilità a carico del destinatario (in alternativa a dichiarazione del contribuente)

Ravvedimento operoso

(ex art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997, come modificato dall’art. 10-bis del D.L. n. 124/2019)

L’articolo 13 del D.Lgs. n. 472/1997, come novellato dall’articolo 10-bis del D.L. 26 ottobre 2019, n. 124, convertito, con modificazioni dalla Legge 19 dicembre 2019, n. 157, ha ampliato l’ambito operativo del ravvedimento operoso, estendendo a tutti i tributi, inclusi quelli locali, alcune riduzioni sanzionatorie, in precedenza riservate ai casi di ravvedimento operoso per i tributi amministrati dall’Agenzia delle entrate.

Pertanto, a decorrere dal 25 dicembre 2019, data di entrata in vigore della modifica ex art. 10-bis del citato D.L. n. 124 del 2019, le sanzioni applicabili in caso di ravvedimento operoso sono quelle di seguito indicate.

Entro il 30 giugno con ravvedimento è possibile pagare l'IMU dell'anno precedente (sia in acconto che in saldo) non versata entro i termini.
Per chi presenta tardivamente la dichiarazione (oltre il 30 giugno dell'anno successivo) il ravvedimento è possibile entro il 30 settembre.

Sanzioni applicabili in caso di ravvedimento operoso / Tipologia ravvedimento Termine per effettuare il ravvedimento Riduzione sanzione Sanzione applicata
Sprint Entro 14 giorni dal termine previsto per il versamento  1/10 dell’1% 
per giorno di ritardo 
0,1% giornaliero 
Breve Entro 30 giorni (ovvero dal 15° al 30°giorno) dal termine previsto per il versamento  1/10 del 15%  1,5% 
Medio Entro 90 giorni (ovvero dal 31° al 90°giorno) dal termine previsto per il versamento ovvero dal termine di presentazione della dichiarazione se si tratta di regolarizzazione di omissioni o di errori commessi in dichiarazione  1/9 del 15%  1,67% 
 
Lungo Entro 1 anno dal termine previsto per il versamento o dal termine di presentazione della dichiarazione periodica  1/8 del 30% 3,75%
Dopo un anno ma entro due anni Entro 2 anni dal termine previsto per il versamento o dal termine di presentazione della dichiarazione periodica  1/7 del 30%  4,28% 
Oltre due anni Oltre 2 anni dal termine previsto per il versamento o dal termine di presentazione della dichiarazione periodica  1/6 del 30%  5%

Ravvedimento sulla dichiarazione

(Sanzione per la presentazione della dichiarazione 50% entro 30 giorni e 100% oltre)

Ravvedimento:

  • Entro 30 giorni : ( 50% ridotto ad 1/10 )  € 2,5
  • da 31 a 90 giorni : (100% ridotto ad 1/10)  € 5,00

 

 

Elenco fogli catastali situati in area montana del comune di Capannori.
Si ricorda che dal 2016 i terreni agricoli situati in tali aree sono esenti, specificando che l'esenzione si applica solo ai terreni sui quali sono esercitate le attività agricole intese nel senso civilistico dell'art. 2135 cc. Se il terreno agricolo è sia posseduto che condotto da un imprenditore agricolo o coltivatore diretto è esente su tutto il territorio comunale.

Banca dati quotazioni immobiliari: utile per il calcolo del valore immobiliare in caso di utilizzazione edificatoria, demolizione ed interventi di recupero (art. 31, comma 21 lettere c), d) ed e) L. 457/78) del fabbricato.
Esempio: valore medio x mq. x 0,2 = valore imponibile.

Contatti

Telefono e mail
0583 428280
tributi@comune.capannori.lu.it
SETTORE

Programmazione, risorse finanziarie e tributi

Dirigente

Paolo Pantanella
0583 428323
p.pantanella@comune.capannori.lu.it
UFFICIO

Tributi e Coordinamento della Riscossione

Responsabile Ufficio

Andrea Marabotti
0583 428381
a.marabotti@comune.capannori.lu.it
Staff

Paola Bertolucci
0583 428364
p.bertolucci@comune.capannori.lu.it
Ilaria Fami
0583 428730
i.fami@comune.capannori.lu.it
Carlotta Forassiepi
0583 428360
c.forassiepi@comune.capannori.lu.it
Erika Martinelli
0583 428361
e.martinelli@comune.capannori.lu.it
Giuseppe Massoni
0583 428256
g.massoni@comune.capannori.lu.it
Daniela Quilici
0583 428279
d.quilici@comune.capannori.lu.it

I contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 22 ottobre 2020, ore 19:09

mobile_ico
Centralino: 0583 4281
Emergenze: 348 38 51251
Polizia Municipale: 0583 429060
Comune Amico: 0583 428370
logo-comune_ico
Piazza Aldo Moro 1
Piazza Aldo Moro 1, 55012 Capannori LU
P.IVA 00170780464

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune