Liberazione di Capannori: inaugurati 'I lecci della memoria' in ricordo dei Martiri Lunatesi

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 24 settembre 2022, ore 14:08

Anni, 2022, Comunicati Stampa, Cultura, Evidenza
L'inaugurazione de 'I Lecci della memoria'

Questa mattina (domenica) a Capannori si è svolta una importante iniziativa per ricordare e rendere omaggio ai Martiri Lunatesi nell'ambito degli eventi promossi dal Comune in collaborazione con Anpi Capannori e Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea in Provincia di Lucca (ISREC), per celebrare il 78° anniversario della Liberazione di Capannori. Dopo la celebrazione, alle ore 11.00, della Santa Messa nella chiesa di Lunata è stata deposta una corona presso il monumento dedicato ai Martiri Lunatesi che si trova nel piazzale della chiesa. Alla cerimonia sono intervenuti   il parroco di Lunata, Don Michele Fabbrini, il sindaco Luca Menesini, la consigliera comunale, Silvana Pisani ed Emmanuel Pesi dell'Isrec. 
L'iniziativa è proseguita in via Martiri Lunatesi a Capannori dove si è tenuta la cerimonia di inaugurazione dei “I lecci della Memoria” durante la quale gli Alpini hanno suonato il Silenzio. I lecci sono stati piantumati dall'amministrazione comunale per ricordare i 13 Martiri Lunatesi, sacerdoti e laici che avevano organizzato un gruppo di resistenza a Lunata e che furono rastrellati dai nazisti il 16 agosto 1944 e poi uccisi il 29 agosto 1944 (Don Giorgio Bigongiari il 10 settembre). Accanto ad ogni leccio è stata apposta una targhetta che riporta il nome di ciascun martire: Don Giorgio Bigongiari, Don Angelo Unti, Pietro Unti, Angelo Unti, Antonio Brignone, Gimi Cecchini, Enrico Cecchini, Amelia Isola, Pietro Giomi, Giuseppe Giomi, Lorenzo Romani, Ferrante Fontana, Orlando Giannini.

“Oggi abbiamo ricordato e reso omaggio, in particolare con l'inaugurazione dei lecci della memoria, ad un gruppo di sacerdoti e laici di Lunata, i Martiri Lunatesi, che hanno perso la loro vita per difendere la libertà, la democrazia e la pace in un periodo tragico e oscuro della nostra storia – afferma il sindaco Luca Menesini-. Valori fondanti di una società che possa definirsi libera e civile che è nostro dovere continuare a difendere e tramandare alle nuove generazioni. La memoria va esercitata sempre, ogni giorno, affinché fatti tragici come quelli avvenuti durante la seconda guerra mondiale non cadano nell'oblio, ma anzi siano sempre ricordati in ogni occasione possibile, affinché non si ripetano”.  

“La Liberazione di Capannori ha visto protagonisti molti uomini e molte donne del nostro territorio, alcuni di loro, tra cui i Martiri Lunatesi hanno perso la vita per consegnare a chi veniva dopo di loro una società libera e democratica e senza discriminazioni - dichiara la consigliera comunale Silvana Pisani-. Con l'inaugurazione dei lecci della memoria vogliamo lasciare un segno tangibile sul territorio che ricordi il sacrificio dei Martiri Lunatesi, protagonisti di uno degli episodi più tragici che hanno interessato Capannori durante il secondo conflitto mondiale. Ricordare è un dovere, innanzitutto delle istituzioni democratiche e noi continueremo a farlo”.


Alla mattinata in ricordo dei Martiri Lunatesi hanno partecipato gli assessori Davide Del Carlo, Giordano Del Chiaro e Serena Frediani, i consiglieri comunali Claudia Berti, Guido Angelini e Pio Lencioni, la presidente dell’Anpi Capannori, Giulia Volpi, la presidente dei Donatori di sangue di Lunata, Lara Pacini, insieme a Gervasio Fontana, il comandante della stazione dei Carabinieri di Capannori, Andrea Marsili  e i  rappresentanti delle locali associazioni degli Alpini, degli Autieri e dei Combattenti e Reduci .
 

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune