La valorizzazione dei siti romanici e lo sviluppo della loro accessibilità al centro dell’evento finale del progetto transfrontaliero “Itinera Romanica +”

Stampa la pagina

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 28 novembre 2022, ore 13:18

Anni, 2022, Comunicati Stampa, HomePage
Discorso Assessore Cecchetti

Si è svolto nel weekend del 7-8-9 ottobre l'evento finale del progetto transfrontaliero "Itinera Romanica+", coincidente in parte con quello finale del progetto gemellato "Racine", entrambi finanziati dal programma transfrontaliero Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020.

Per "Itinera Romanica" il clou delle attività dei partner si è svolto sabato 8 ottobre con una conferenza aperta al pubblico presso la Villa Reale di Marlia, nella quale si sono avvicendati a parlare delle attività svolte in questi 3 anni i rappresentanti delle 5 regioni coinvolte nel programma: Toscana, Liguria, Sardegna, Corsica e la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Nella suggestiva sede dell'auditorium a fianco della Palazzina con l'orologio, per l'occasione allestita anche con una mostra degli acquerelli di Dominique Groebner dal tema “Balade en Corse romane - Spassighjate in Corsica rumanica”, i lavori si sono aperti dopo i saluti istituzionali ai partecipanti da parte dell'assessore alla cultura del Comune di Capannori Francesco Cecchetti e dell'Assessore regionale alle infrastrutture e mobilità sostenibile Stefano Baccelli.

Il progetto Itinera Romanica+, di cui il Comune di Capannori è capofila, ha avuto l'obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale del Romanico diffuso nelle cinque regioni dell’area di cooperazione, attraverso la realizzazione di percorsi di collegamento fra siti Romanici e lo sviluppo di azioni congiunte di tutela, promozione e valorizzazione. L'idea di ospitare in Toscana l'evento di chiusura del progetto è nata anche dalla collaborazione con il progetto "Racine", avente finalità simili di tutela del patrimonio culturale nelle piccole comunità, di cui Anci Toscana è capofila, mentre la Collectivité de Corse è il partner in comune fra i due progetti.

Le attività che si sono svolte per Itinera Romanica+ sono state organizzate in sinergia dai partner del progetto e in particolare dagli organismi del territorio toscano: Comune di Capannori, Comune di Lucca e Timesis-Montepisano DMC.

Questi, assieme agli altri partner, ossia la già citata Collectivité de Corse, il Parc Naturel Régional des Préalpes d'Azur, la Camera di Commercio Riviere di Liguria e il Comune di Santa Giusta (OR), hanno partecipato coinvolgendo anche i soggetti che a vario titolo hanno contribuito nelle attività di progetto. Le attività di analisi del territorio sono state in fatti descritte dall'Università di Genova e dall'associazione di studi storici della Corsica "FAGEC", il modello di governance dalle Unioni dei Comuni di Alta Rocca e Costa Verde (Corsica), i Laboratori di animazione e le Giornate del Romanico dall'Associazione sarda "Amici del Romanico", il percorso di sviluppo tecnologico/cartografico della App per smartphone "Itinera Romanica+" da Webmapp. Uno spazio del tutto particolare, infine, interessante e innovativo, è stato riservato al tema dell'Accessibilità e delle soluzioni studiate per rimuovere alcuni ostacoli alla fruizione del patrimonio romanico da parte delle persone con problemi di mobilità o sensoriali, che ha visto la partecipazione, sotto il coordinamento del Comune di Lucca, del Centro Regionale Accessibilità (CRA), dell'Associazione di volontariato Aeliante per la sua esperienza con l'uso del mezzo di trasporto "Joëlette", dell'Università di Pisa che ha presentato il prototipo di kit con batteria e motori elettrici assemblabile sulle più comuni carrozzine a mano chiamato "IR-Access", e dell'Istituto Tecnico Industriale “Othoca” di Oristano che ha messo a punto un modello in scala di una chiesa romanica, stampato in 3D e dotato di sensori tattili che rispondono al tocco facendo partire l'audiodescrizione dell'elemento selezionato.

Le attività organizzate nel territorio a favore dei partner e degli ospiti del progetto hanno previsto anche visite ed escursioni tematiche svoltesi nei giorni di venerdì e domenica, rispettivamente sul versante pisano e lucchese del Monte Pisano. La prima visita ha riguardato i Comuni di Calci e Vicopisano, con la visita alla Pieve di Calci, Certosa e Pieve di S.Giulia, la seconda il centro storico di Lucca (Chiesa di Sant'Alessandro Maggiore, Chiesa di San Michele e Cattedrale di San Martino), la Pieve vecchia di Santa Maria del Giudice e la chiesa di San Bartolomeo a Badia di Cantignano.

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune