Versione adatta alla stampa

Al via a Capannori le tante iniziative promosse in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne

conferenza stampa

E’ un programma di iniziative ad ampio raggio quello promosso dalla Commissione Pari Opportunità in collaborazione con il Comune, scuole, associazioni di volontariato, associazioni di categoria, Questura, e Provincia, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre il prossimo 25 novembre,  e  della campagna nazionale del Fiocco Bianco.

 Le iniziative di sensibilizzazione sul drammatico e purtroppo crescente fenomeno degli abusi di genere sono state presentate stamani (giovedì) con una conferenza stampa, alla quale hanno preso parte la consigliera comunale con delega alle pari opportunità, Silvia Amadei, la presidente della Commissione Pari Opportunità, Ilaria Carmassi, l’ispettore capo della Divisione Anticrimine della Questura di Lucca, Massimo Sodini e  Angelo Paoli di Confcommercio.
 
“Il fenomeno della violenza di genere riguarda tutta la comunità – afferma la consigliera comunale con delega alle pari opportunità, Silvia Amadei - e per questo abbiamo costruito un programma che coinvolga tutti i cittadini, dai ragazzi delle scuole medie a coloro che ogni giorno fanno la spesa. Credo che una corretta informazione ed educazione possa aiutare la società a compiere un cambiamento culturale nei confronti delle donne che è alla base per combattere  un drammatico fenomeno sempre più diffuso”.
 
“Uno degli obiettivi  di queste iniziative - dichiara Ilaria Carmassi, presidente della Commissione Pari Opportunità - è quello di portare avanti un percorso di sensibilizzazione ed informazione nelle scuole per promuovere un cambiamento culturale a partire dai giovani, perché attraverso i giovani si crea il domani, ma anche perché tramite i ragazzi la sensibilizzazione su questi temi può diventare elemento di discussione all’interno delle famiglie. Inoltre, riteniamo sia fondamentale che sulla tematica della lotta alla violenza contro le donne si crei una condivisione nella società, affinché tutte le donne che sono potenziali vittime di violenza non si chiudano in se stesse, sapendo di non essere sole”.
 
L’ispettore Capo della Divisione Anticrimine, Massimo Sodini a nome del Questore di Lucca, Carlo Cracovia, ha  affermato che per la Questura di Lucca costituisce un motivo di particolare orgoglio collaborare alla realizzazione di progetti così nobili e calati nella realtà per combattere un fenomeno che in questi ultimi tempi ha assunto contorni preoccupanti ed ha evidenziato l’importanza di collaborare con gli altri attori del territorio e di rafforzare la rete già esistente tra Polizia di Stato, enti e associazioni impegnati nella difesa delle donne.
 
Angelo Paoli di  Ascom Confcommercio ha sottolineato l’importanza di impegnarsi per dar vita ad iniziative che, come la campagna ‘Pane, amore … e non violenza’, riescono ad entrare con discrezione nelle famiglie  e quindi a sensibilizzare la comunità su un tema delicato come la violenza sulle donne. 
 
Le iniziative prendono il via domani venerdì 22 novembre, con la distribuzione, ()fino al 28 novembre ) nelle scuole medie di S.Leonardo in Treponzio, Lammari, Capannori e Camigliano dei fiocchi bianchi, simbolo della lotta alla violenza sulle donne. Gli studenti potranno anche assistere alla proiezione del documentario ‘Una su Tre’ di Claudio Bozzatello. Questa attività nelle scuole vede la collaborazione di Amnesty International Lucca.
Lunedì 25 novembre  prenderà il via una seconda iniziativa, la campagna ‘Pane amore e… non violenza’- Per molte donne la violenza è ancora pane quotidiano’, realizzata in collaborazione con  le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Confederazione Nazionale Artigianato e piccola e media impresa, Provincia  e  una cinquantina di esercizi commerciali del territorio tra panifici e negozi di  generi alimentari. Ai clienti degli esercizi aderenti il pane sarà consegnato dentro un sacchetto di carta (ne  saranno distribuiti circa 2.000) che riporta lo slogan della campagna e alcuni recapiti di associazioni che si occupano del problema (Centro di ascolto e antiviolenza associazione Luna onlus, Progetto Codice Rosa pronto soccorso ospedale di Lucca,  consultorio  Usl 2  Lucca, Pronto Donna associazione cristiana per la Famiglia)  ed anche dei  Carabinieri e della Polizia di Stato. 
Al problema della violenza di genere sarà inoltre dedicata una serata pubblica che si svolgerà  mercoledì 27 novembre, alle ore 21 all'Aiditorium del Distretto Sanitario Usl 2 di Capannori,e che ha in programma la  proiezione del documentario ‘Una su Tre’ e la presentazione della terza edizione del corso di autodifesa per donne  ‘Non ho paura’ organizzato in collaborazione con la Polizia di Stato che si svolgerà  tra la fine di gennaio  e febbraio con lezioni teoriche e pratiche e che lo scorso anno ha fatto registrare un’alta partecipazione.
‘Una su Tre’ è un documentario di Claudio Bozzatello il cui titolo  si riferisce alla statistica secondo cui in Italia una donna su tre ha subito e subisce violenze dal partner. Una cifra impressionante che rende ancora più credibile il dato mondiale secondo cui è proprio questa la causa principale di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il lavoro di raccolta di materiale e testimonianze per realizzare il filmato in cui recitano attrici professioniste come Angela Finocchiaro, Ottavia Piccolo, Marina Rocco e Deborah Villa è durato 3 anni. Intenso e crudo in qualche passaggio, il documentario introduce subito lo spettatore nell'universo carico di dolore e sofferenza della donna vittima di maltrattamento, negli episodi che subisce, nelle difficoltà che incontra, nella relazione patologica che si stabilisce fra vittima e carnefice, nelle dinamiche conflittuali esistenti all'interno della famiglia stessa. 
 
 
Dati del Codice Rosa: 
 
Secondo i dati del ‘Codice Rosa’ (è un percorso di accoglienza al pronto soccorso dedicato a chi subisce violenza, che si colloca e si armonizza con la storica rete dei centri antiviolenza e delle altre associazioni di volontariato e solidarietà)  resi noti dalla Regione i casi di violenza sulle donne e sui minori sono in aumento rispetto al 2012 in Toscana e anche a Lucca dove le attivazioni del protocollo del Codice Rosa lo scorso anno erano state complessivamente 250 e nei primi nove mesi dell'anno in corso questa quota è già stata superata, raggiungendo i 260 episodi, tra maltrattamenti e abusi di vario genere.
 A livello regionale nei primi 9 mesi del 2013 sono stati 2.259 i casi di violenze e maltrattamenti approdati negli ambulatori dedicati al Codice Rosa nelle 10 aziende sanitarie toscane in cui è in funzione. 
 

Contatti

Centralino 0583 4281
Reperibile 348 38.51.25.1

Numero verde 800 43.49.83
(lun-ven dalle 11:30-13:30)

Fax 0583 42.83.99
 

Polizia Municipale
0583 42.90.60

InterPro Regionale
Protocollo Interoperabile

P.E.C del Comune

Indice Amministrazioni

Elenco siti tematici

Privacy Policy