Nuovi servizi per famiglie e bambini grazie al progetto Lucca In

Avviso: i contenuti di questa pagina sono aggiornati al giorno 29 agosto 2018, ore 12:41

04.04.2018
2018, Comunicati Stampa, Scuola, Grandi temi, HomePage, La scuola al centro

Bambini, genitori e tutta la comunità educante insieme per sperimentare nuove opportunità educative, partendo dalla riscoperta della natura. E' la risposta sul territorio della piana di Lucca alla crescita del disagio sociale che colpisce in modo più rilevante le famiglie col maggior numero di figli: il 10% dei minori vive esperienze di deprivazione e non riesce a garantire ai loro bambini l’accesso a opportunità educative di qualità, sia per difficoltà economiche sia per la loro collocazione in aree marginali e periferiche. Il progetto è stato presentato oggi (mercoledì 4 aprile) a Palazzo Orsetti nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca Marcello Bertocchini e il sindaco del Comune di Altopascio Sara D'Ambrosio.

Con il progetto “Lucca In: inter-relazioni in natura contro la povertà educativa" comuni e associazioni della piana cercheranno di riempire questo vuoto e dare nuove possibilità educative alle famiglie tramite due anni di attività in asili nido, ludoteche e scuole. Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 416.000 euro dopo aver vinto il bando per la prima infanzia dell'impresa sociale "Con i bambini", impresa che gestisce i bandi finanziati dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, nato da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

"Siamo soddisfatti - ha sottolineato Bertocchini - di poter contribuire attraverso il meccanismo di finanziamento nazionale a questo programma nazionale di contrasto alla povertà educativa. Il nostro territorio ha saputo cogliere l'opportunità di far crescere i servizi educativi grazie ad una buona progettazione che permette un intervento articolato su più comuni". 

Il progetto è stato promosso e coordinato dal Comune di Lucca che ha coinvolto i Comuni di Capannori, Altopascio e Villa Basilica, nonché altri enti e associazioni che cureranno i profili culturali e operativi del progetto. Tante le azioni che il progetto renderà possibili e che iniziano in questi giorni per proseguire tutto l'anno.

“Siamo particolarmente lieti di presentare quest'oggi – ha detto il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini – un notevole intervento di potenziamento dell'offerta di servizi educativi. È il frutto di un processo di riflessione che per la prima volta attuiamo sul tema. Il progetto ha il merito di mettere insieme quattro Comuni, scuole e associazioni, ottenendo un cospicuo finanziamento che andremo ad utilizzare sul territorio per valorizzare un'offerta formativa ampia, molto composita, di grande qualità e incentrata sulla valorizzazione del rapporto fra i bambini e la natura”.

Ad Altopascio i fondi saranno destinati al prolungamento dell’orario del nido comunale “Primo volo”, una necessità espressa dalle famiglie stesse. “Il prolungamento dell’orario del nido comunale - afferma il sindaco di Altopascio D'Ambrosio - è un’azione concreta che abbiamo voluto mettere in campo da subito, perché fortemente sentita dagli stessi genitori. Queste risorse ci permetteranno di sostenere al meglio il costo dell’intervento, che per la gran parte viene finanziato dall’amministrazione, anche per una precisa volontà di incidere il meno possibile sulle famiglie (la retta ha subito una variazione di 20 euro). Il nido comunale “Primo volo” rappresenta un’eccellenza educativa del nostro territorio, dagli spazi alle attività proposte, al coinvolgimento delle famiglie nei percorsi formativi: con il prolungamento, inoltre, riusciamo a creare ulteriori e nuove occasioni di crescita, che vanno dai laboratori naturali e creativi, portati avanti grazie anche alla presenza dei genitori, alle attività all’aperto, spesso e volentieri di tipo manuale. Voglio sottolineare, infine, l’importanza del fare rete tra enti e territori diversi: un segnale di unità sul piano educativo, un modo concreto di intercettare risorse consistenti, un’azione congiunta per il bene delle famiglie e dei ragazzi”.

"Davvero importante la sinergia venutasi a creare con i Comuni della Piana, associazionismo e scuole per affrontare una problematica così importante come quella della povertà educativa - afferma l'assessore alla scuola del Comune di Capannori, Francesco Cecchetti -. Sinergia grazie alla quale è stato possibile ottenere importanti risorse per creare nuove e concrete opportunità educative di qualità per tutti i minori, coinvolgendo anche coloro che appartengono a famiglie che vivono un disagio sociale. A Capannori prenderà il via una ludoteca itinerante che avrà il suo centro ad Artemisia, ma si estenderà a tutto il territorio in sedi di scuole, biblioteche e associazioni per coinvolgere i bambini delle famiglie che vivono nelle zone più periferiche”.

“Il lavoro zonale dei Comuni della Piana -afferma l'assessore all'istruzione del Comune di Villa Basilica Elisa Anelli - emerge in questo progetto in tutta la sua forza, avendo condotto ad un risultato che conta quasi trenta partner. Il Comune di Villa Basilica non può, però, non sottolineare la centralità dell’investimento sui bambini che abitano nei piccoli comuni montani, che risponde all’esigenza di valorizzare i presidi educativi esistenti come presidi di tutta la comunità”.

Gli spazi educativi già esistenti verranno potenziati e aperti alle famiglie con incontri, corsi e laboratori negli asili nido di Lucca, Capannori, Altopascio e Villa Basilica. A Capannori prenderà il via una ludoteca itinerante che avrà il suo centro ad Artemisia, ma si estenderà a tutto il territorio in sedi di scuole, biblioteche e associazioni per coinvolgere i bambini delle famiglie che vivono nelle zone più periferiche. Intorno alle ludoteche verranno realizzati incontri, corsi di formazione e laboratori per bambini e famiglie con particolare attenzione alle attività con la natura e all'aria aperta.

I destinatari delle attività non sono solo i bambini: i genitori e tutte le famiglie saranno coinvolti per fare parte di gruppi auto-organizzati e potersi scambiare beni, tempo e competenze per la cura dei figli, anche con il supporto di una piattaforma digitale. Ma verranno coinvolte anche per definire e proporre servizi sperimentali che possano supportarle nel conciliare famiglia e lavoro.

Alcuni spazi della ex scuola di S. Maria a Colle verranno adeguati per ospitare l'allestimento della prima ludoteca del territorio specifico. Il progetto coinvolgerà le famiglie anche nella fase pre-parto con accompagnamento al puerperio e corsi pre-parto con il patrocinio del Consultorio della Azienda USL Toscana Nord Ovest. Nei comuni di Lucca e Capannori una parte delle attività per le famiglie e i bambini sarà in orti e giardini urbani per avvicinarli alla natura. Fra le attività culturali connesse ci saranno due edizioni (giugno 2018 e 2019) del Festival della Fiaba che utilizzerà le suggestioni della natura per restituire alla fiaba la sua dimensione magica. Anche il mondo della scuola dell’infanzia sarà coinvolto con laboratori in orario scolastico ed extrascolastico a tutta la comunità.

Persone che parlano davanti a un tavolo

La conferenza stampa di presentazione di LuccaIN


Download

News correlate
mobile_ico
Centralino: 0583 4281
Emergenze: 348 31 51251
Numero Verde: 800 43 49 83
Lun-Ven dalle 11:30 alle 13:30
Polizia Municipale: 0583 429060
logo-comune_ico
Piazza Aldo Moro 1
Piazza Aldo Moro 1, 55012 Capannori LU
P.IVA 00170780464

Servizi Online

Servizi

ico_comune
ico_comune